[frame align=”left”], Settimana della Chiropratica: dal 26 al 31 ottobre 2009[/frame]

Dal 26 al 31 ottobre 2009 in occasione della Settimana della chiropratica, promossa dall’AIC, Associazione italiana chiropratici, tutti avranno la possibilità di conoscere questa disciplina e di approfondirne scopi, benefici e tecniche, entrando in contatto diretto con un dottore in chiropratica laureato in uno dei College riconosciuti dalla Federazione Mondiale della Chiropratica (World Federation of Chiropractic).  In particolare quest’anno l’iniziativa vuole mettere l’accento sull’importante ruolo della chiropratica per mantenere in equilibrio l’aspetto strutturale, l’aspetto psicologico e l’aspetto biochimico dell’organismo: una condizione sempre essenziale a tutte le età per stare bene, ma che diventa ancora più rilevante con l’avanzare degli anni. Le più recenti statistiche segnalano l’allungamento della vita media, oltre a una maggiore attenzione al proprio benessere e alla cura di sé (secondo i dati Istat l’aspettativa di vita che nel 1961 era di  67,2 anni per l’uomo e 72,3 per la donna è passata nel 2006 a 78,4 anni per i primi e 84 per le seconde. E addirittura le previsioni indicano che nel 2012 i maschi raggiungeranno un’età media di 79,4 anni e le donne di 84,9 ). Ancora poco diffusa è però la consapevolezza che esiste uno stretto legame tra benessere psicofisico, equilibrio della colonna vertebrale e funzionamento del sistema nervoso, per cui qualsiasi alterazione biomeccanica che coinvolga la colonna può causare un’interferenza nella trasmissione dell’impulso nervoso, da cui può derivare un’alterazione dello stato di salute. Queste disfunzioni, che in chiropratica vengono definite “sublussazioni”, possono essere causate da numerosi fattori come le posture scorrette, lo stress, la vita sedentaria, gli errori alimentari, il consumo di droghe, l’eccessivo consumo di alcol o di sigarette, che, indebolendo il sistema neuro-muscolo-scheletrico, lo privano dell’originario equilibrio.  Risultato? A lungo andare possono insorgere vari disturbi e pian piano diminuire efficienza, energia, capacità di movimento. E più passano gli anni, minore è la capacità di recupero dell’organismo per cui è opportuno intervenire prima possibile.  Compito del chiropratico è proprio quello di identificare ed eliminare le cause che portano alle sublussazioni per poi favorire l’autoguarigione. E questo obiettivo viene perseguito senza l’uso di farmaci e trattamenti invasivi, impiegando tecniche di “aggiustamento” delle su blussazioni vertebrali che possono andare dallo sfioramento leggero all’esercizio di una pressione in particolari punti del corpo. In ogni caso si tratta di tecniche non dolorose per il paziente. Il chiropratico, inoltre può suggerire lo stile di vita più adatto (cibi da privilegiare o da evitare, attività fisica più indicata alle caratteristiche personali, eventuali controlli medici da effettuare…) per mantenere la colonna vertebrale e quindi tutto l’organismo in equilibrio. Da qui l’importanza di un controllo chiropratico periodico: una buona abitudine per tradurre in pratica quell’adagio che invita ad aggiungere vita agli anni anziché anni alla vita. In proposito, però, sussiste ancora molta disinformazione: proprio per porvi rimedio e per diffondere una corretta conoscenza della chiropratica e della professionalità del dottore in chiropratica l’AIC ha promosso la settimana della chiropratica.

Due le proposte:
*da lunedì  26 ottobre a sabato  31 ottobre è possibile sottoporsi a un checkup chiropratico gratuito presso uno degli studi chiropratici di tutta Italia che hanno aderito all’iniziativa. Per trovare lo studio chiropratico più vicino alla propria abitazione si può telefonare alla segreteria AIC, numero verde 800017806, dalle 9 alle 12 e dalle 14,30  alle 17,30.
*da lunedì 26 ottobre a venerdì 30 ottobre si possono ottenere gratuitamente consulenze telefoniche personalizzate da parte di un doctor of chiropractic. Per usufruirne occorre telefonare dalle 16 alle 18 al numero verde 800017806. Rispondono Simona Pasquetto e Stefano Maioli che hanno conseguito in Italia la laurea in medicina, e in Usa quella in chiropratica.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

chiropratici.it